Nell’articolo precedente abbiamo parlato del corso prematrimoniale e vi avevo accennato al Processetto o Processino.

Vediamo adesso di cosa si tratta.

Il Processetto è un colloquio individuale con il parroco che viene fatto al termine del corso prematrimoniale.

E’ costituito da una serie di domande che accerta la vostra piena coscienza nell’affrontare il matrimonio, l’amore libero che vi induce a farlo e la volontà di mantenere nel tempo le promesse che farete sull’altare quel giorno.

E’ diviso in tre sezioni: stato libero, consenso matrimoniale, impedimenti e divieti.

Gli sposi si sottoporranno alle domande separatamente ma molti parroci decidono di farlo insieme.
Il tono delle domande è molto formale e rigido. Non lasciatevi spaventare: rispondete con sincerità e tranquillità!

La compilazione di queste domande è indispensabile per far continuare il processo burocratico del matrimonio. Con il documento che ne conseguirà, riceverete il certificato di avvenuta pubblicazione e l’attestato di frequenza del corso prematrimoniale (entrambi da portare al Comune).

Il processetto è un passaggio importante nella consapevolezza spirituale del matrimonio.

Costituisce un documento che la chiesa presenterà come controprova nel caso richiedeste l’annullamento.
La Chiesa non accetta il Divorzio e vi educa affinché arriviate al grande passo consapevoli e liberi.

Come nel corso prematrimoniale, ci saranno nuove riflessioni e nuove domande a cui sottoporvi. Se siete arrivati al Processetto, però, il vostro è un amore sincero. Siete del tutto pronti al matrimonio religioso e consapevoli di ciò che vi attende nella vita di coppia.

Se avete ulteriori domande, CONTATTATEMI.
Sarò ben lieta di darvi altre delucidazioni al riguardo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il conenuto è protetto.